top of page

L'ATGM Rubin: La Forza Distruttiva dell'URSS


Negli annali della storia militare sovietica, l'ATGM (Anti-Tank Guided Missile) Rubin occupa una posizione di rilievo come una delle armi più formidabili e innovative sviluppate durante la Guerra Fredda. Questo missile guidato anticarro ha segnato un'avanzamento significativo nelle capacità offensive dell'Unione Sovietica, rivoluzionando il modo in cui i carri armati venivano affrontati sul campo di battaglia. In questo articolo, esploreremo approfonditamente l'ATGM Rubin, analizzando il suo sviluppo, le caratteristiche tecniche e il suo impatto sulla strategia militare sovietica.


ATGM Rubin

ATGM Rubin: Il Contesto Storico

L'ATGM Rubin fu sviluppato nell'ambito del fervore tecnologico che caratterizzò gli anni '60 e '70. In quel periodo, l'URSS mirava a rafforzare le proprie forze armate con armamenti avanzati e sistemi d'arma innovativi. La crescente minaccia dei carri armati avversari richiedeva una risposta rapida ed efficace, e l'ATGM Rubin nacque come risposta a questa esigenza.



ATGM Rubin: Il progetto e le specifiche

La prima generazione di carri armati missilistici sovietici ebbe inizio nel 1956 quando a V.A. Malyshev fu ordinato da Nikita Khrushchev di instillare un "nuovo pensiero" nei uffici di progettazione delle armi. Parte di questo "nuovo pensiero" riguardava lo sviluppo di carri armati missilistici. Tuttavia, queste prime progettazioni di carri armati furono fallimenti. Queste limitazioni portarono allo sviluppo di un sistema ibrido, in cui il missile veniva lanciato attraverso il cannone principale del carro armato. La prima generazione di questo concetto fu il carro armato Obiekt 775, armato con un cannone liscio da 125 mm che poteva sparare un proiettile guidato da radiochiamata chiamato Rubin (Rubino) e un proiettile non guidato chiamato Bur (Trapano). Il carro armato poteva trasportare 24 missili Rubin e 48 razzi Bur.



Il missile guidato Rubin, calibro 125 mm e lungo 1,5 m, aveva una testata a carica cava (peso testata 5,5 kg, massa esplosiva 2,7 kg), che perforava corazzature di acciaio posizionate verticalmente spesse 500 mm. In quel periodo, colpiva in modo affidabile l'armatura frontale di tutti i carri armati stranieri. Il missile era mirato al bersaglio utilizzando un sistema semiautomatico per il raggio infrarosso. Il tasso di fuoco del missile guidato "Rubin" era di 4-5 colpi/min, la gittata massima era di 4000 m, e la velocità di volo del missile era di -550 m/s. La gittata mirata del proiettile "Bur" (sviluppato dall'Istituto di Ricerca Scientifica-147, capo progettista AN Ganichev) era di 9000 m, il tasso di fuoco era di 8-10 colpi/min, la velocità di volo media era di 650-700 m/s.



Il progetto fu, tutto sommato, un fallimento, poiché la testata a carica cava del Rubin non era particolarmente efficace, e vi erano preoccupazioni che il collegamento radio del missile potesse essere disturbato, oltre ovviamente allo sviluppo tecnologico rampante di quel periodo, che rese rapidamente obsolete le soluzioni tecnologiche adottate. Causo anche il fallimento del carro per il quale era stato progettato, l'object 775.






Kommentare


bottom of page